«

»

ott
05

XIII Domenica del Tempo Ordinario – 28 Giugno 2015

150628 XIII Domenica del Tempo OrdinarioGesù è “la risurrezione e la vita”. Con i miracoli del ritorno alla vita della figlia di Giàiro e della guarigione della donna con perdite di sangue, Gesù illumina la nostra esistenza. Ci richiama alla Fede e apre il nostro cuore a una profonda speranza di vita e di salvezza.

 

Commento:

http://www.la-domenica.it/xiii-domenica-del-tempo-ordinario-b/

Prima Lettura:

Un sapiente greco cerca di presentare ai pagani la Fede d’Israele: Dio ha creato l’uomo per la vita e l’immortalità, mentre la morte è opera del peccato.

dal Libro della Sapienza (1,13-15; 2,23-24) – http://www.vatican.va/archive/ITA0001/__PKL.HTM & http://www.vatican.va/archive/ITA0001/__PKM.HTM

Seconda Lettura:

I cristiani di Corinto sono esortati dall’Apostolo Paolo a dare un significato cristiano alla generosità materiale della colletta fatta per soccorrere la povertà della chiesa-madre di Gerusalemme.

dalla Seconda Lettera di San Paolo Apostolo ai Corìnzi (8,7.9.13-15) – http://www.vatican.va/archive/ITA0001/__PY1.HTM

Il Salvatore nostro Cristo Gesù ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita per mezzo del Vangelo.

Vangelo:

La risurrezione della figlioletta di Giàiro e la guarigione della donna sofferente di emorragia, sono due miracoli di Gesù che affermano la sua vittoria sulla malattia e sulla morte. È Cristo il medico delle anime e dei corpi.

dal Vangelo secondo Marco (5,21-43) – http://www.vatican.va/archive/ITA0001/__PUL.HTM

“Capaci di svegliare il mondo”:

4 Luglio: Beata Maria Crocifissa Curcio – Nacque a Ispica (Ragusa) il 30 Gennaio 1877, da famiglia agiata e venne battezzata con il nome di Rosa. Nella ricca biblioteca familiare scoprì la Vita di S. Teresa d’Avila che le fece conoscere la vita spirituale e il Carmelo. Nel 1890, a tredici anni, si iscrisse al Terz’Ordine Carmelitano, assumendo il nome di Sr. M. Crocifissa. Soltanto nel 1925, però, con molte difficoltà, diede vita alle Suore Carmelitane di Santa Teresa di Gesù Bambino (http://www.vicariatusurbis.org/?page_id=188&ID=4289 & http://www.madrecrocifissa.org/ ). Morì il 4 luglio 1957 e venne beatificata da Benedetto XVI il 13 novembre 2005.   Luigi Giovannini, ssp

——-

Cari amici,

tempo fa, amavo leggere i racconti del Vangelo che narrano dei miracoli operati da Gesù sulle persone malate e sofferenti, già morte persino!… e mi sfuggiva la Fede che, come un enzima, catalizzava, e catalizza tuttora!…, la Grazia guaritrice e salvifica dello stesso Gesù. Del resto è stato lo stesso Gesù a dirci: “Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe.” (Luca 17,6). Mi avvolgevo nel calore di quei racconti, come in una calda coperta d’inverno, senza sapere da dove venisse….

La Fede, quindi, permette alla potenza di Dio di manifestarsi. Nel brano del Vangelo che oggi la Chiesa ci propone, vediamo cosa ha potuto fare la Fede dell’emorroissa e la Fede di Giàiro; entrambi disperati, avevano compiuto il cammino umano, doloroso ed umiliante per la prima, terribilmente angoscioso il secondo, che li aveva portati ad una Fede perfetta, capace di strappare al Cuore Misericordioso di Gesù qualunque cosa!… Racconti di cose avvenute duemila anni fa…, divenute, nel mondo che corre e che non ha tempo, solo leggende e miti!… ed invece sono parte della Verità della quale non possiamo assolutamente fare a meno!…

La Fede poi è seme di salvezza: “Il giusto vivrà mediante la fede” (Romani 1,17); e da Essa discende la Speranza: “Manteniamo senza vacillare la professione della nostra speranza, perché è fedele Colui che ha promesso” (Ebrei 10,23); e, a seguire, la Carità: “Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati” (Giovanni 15,12). Le tre Virtù Teologali, ordinate per primo dall’Apostolo Paolo, tracciano per noi la strada verso il Regno di Dio. Un giorno, quando saremo in Paradiso svanirà la Fede perché non dovremo più credere in ciò che non vediamo e svanirà anche la Speranza perché avremo trovato il compimento delle promesse di Gesù; rimarrà la Carità, l’Amore, Dio stesso!… che sarà tutto in tutti, nella luminosa ed eterna Comunione dei Santi!… :-)

Franco