«

»

gen
10

una preghiera per le intenzioni di Loriana…

151024 congoproteste2-300x169Cari amici, lo scorso 24 Ottobre, abbiamo ricevuto sulla mail-box della nostra piccola ed aperta comunità, una richiesta di preghiere da parte di una donna, Loriana, molto preoccupata della situazione nella Repubblica del Congo (https://it.wikipedia.org/wiki/Repubblica_del_Congo) alla vigilia di un referendum. Ancora una volta, mi dispiace estendere questa richiesta di preghiere con molto ritardo a tutti coloro che leggeranno questo articolo, e chiedo scusa a Loriana e a tutti…, ma confido nella nostra Mamma Celeste! Leggiamo cosa ci scrive Loriana:

 

Buongiorno a tutti, mi chiamo Loriana e vorrei chiedervi di aiutarmi a pregare per il Congo Brazzaville, uno dei tanti paesi dell’Africa sub sahariana, che sta vivendo un momento davvero difficile. Domani in Congo ci saranno delle votazioni, imposte dal Presidente, che rischiano di portare morte e violenza. Nei giorni passati ci sono già state le prime vittime. Il popolo è stanco di subire un regime che lo opprime da più di trent’anni e lo fa sprofondare sempre più nella miseria. I rappresentanti dell’opposizione chiamano la gente ad una contestazione pacifica, ma è difficile evitare il sangue quando la polizia spara sulla folla inerme. Aiutatemi a pregare affinché domani il Congo Brazzaville non diventi l’ennesimo campo di battaglia del Continente Africano. Che Dio protegga i congolesi, soprattutto i più indifesi. Grazie.

Cara Loriana, riporto fedelmente quello che ci hai scritto perché non posso ergermi a “censore” di nessuno, ma prima di pubblicare questo articolo ho fatto una ricerca (indipendente da te) su internet ed ho trovato un articolo (http://atlasweb.it/2015/10/22/repubblica-del-congo-il-referendum-di-sassaou-nguesso-riapre-le-ferite-di-brazzaville-579.html#) pubblicato il 22 Ottobre 2015, che cita anche fonti di InfoAfrica (www.infoafrica.it), che appare confermare il grido di allarme e preoccupazione che tu lanci nella tua e-mail. Da questa pubblicazione ho anche ripreso l’immagine che metto a corredo di questo articolo.

Comunque il mio cuore si conforta nel leggere nella tua seconda e-mail del 3 Novembre scorso che “Per il momento posso confermarti che la situazione è calma e le due parti, Presidente e opposizione, stanno cercando una via d’intesa.”, cosa, anch’essa, che appare confermata dal primo capoverso di un articolo (http://www.infoafrica.it/2015/10/22/referendum-sforzi-diplomatici-per-colloqui-fra-opposizione-e-governo/) pubblicato lo stesso 22 Ottobre 2015 dalla stessa InfoAfrica.

Non ho voluto mettere in dubbio le tue parole, ma quando qualcuno, nel chiedere con Fede semplicemente delle preghiere, denuncia una situazione così grave!… credo che sia mio dovere andare a cercare dei riscontri indipendenti da chi scrive. Spero che accetterai serenamente questa mia attenzione :-)

Proprio nella domenica che ha preceduto l’invio della tua e-mail, il brano del Vangelo che ci veniva proposto parlava proprio di quanto il cuore dell’uomo è “posseduto” dalla voglia di conquistare primati umani (Marco 10,25-35: http://www.vatican.va/archive/ITA0001/__PUQ.HTM): il primato politico è certamente tra questi. “Gesù ha appena annunciato per la terza volta la sua passione e morte, ma i discepoli sono ben lontani dal capire, anzi discutono tra loro, preoccupati di assicurarsi i primi posti nel futuro regno messianico. Alla proposta di ricerca dei primi posti, Gesù oppone la proposta di un messianismo d’immolazione e di servizio. Le parole di Cristo riguardano tutti: non ambizione, orgoglio, sogni di potere, ma umile disponibilità al servizio.” (http://www.la-domenica.it/xxix-domenica-del-tempo-ordinario-b/).

Il punto è, quindi, sempre lo stesso: laddove non c’è Carità e Amore non c’è Dio e viceversa. Ma il dono dello Spirito Santo di percepire qualcosina della Verità, non deve condurci a dividere in due categorie gli uomini tra “buoni” e “cattivi”, anzi!… deve condurci a pregare per gli “uni” e per gli “altri” senza alcuna distinzione!… perché se Dio stesso non fa distinzioni, non siamo certo noi a potercelo permettere!…: “ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.” (Matteo 5,44-45).

Preghiamo dunque per tutte le parti in conflitto, per le persone chiamate a mediare, per tutti i Congolesi soprattutto i più indifesi!… ed in particolare mettiamo tutto nelle mani della nostra Mamma Celeste anche attraverso la nostra Preghiera Comunitaria Quotidiana (http://www.comunitachiarini.org/category/160102-pcq). Sia Dio nei loro cuori!… sia la Carità e l’Amore nei loro cuori!… Questo è il miracolo per eccellenza: chiediamolo quindi, tutti insieme!… :-)

un abbraccio fraterno, Franco