«

»

set
18

una preghiera per le intenzioni di Corinna…

Verbo Incarnato, la Famiglia ReligiosaCari amici, lo scorso 24 Maggio, abbiamo ricevuto sulla mail-box della nostra piccola ed aperta comunità, una richiesta di preghiere da parte di una donna, Corinna, che, come tanti in passato, anche e soprattutto tra i Santi, desidera ardentemente di conoscere la Volontà di Dio per lei stessa. Leggero e puro come un fiocco di neve un desiderio così!… un fiocco di neve che, docilmente ed in silenzio, vuole andare e va dove soffia lo Spirito!…

 

Leggiamo cosa ci scrive Corinna e non facciamole mancare il sostegno della nostra preghiera!

Vi invio una “richiesta di preghiere per me, ne ho davvero tanto bisogno, affinché Gesù, Figlio di Dio, esaudisca tutte le mie preghiere e suppliche e mi mostri al più presto, secondo i suoi divini disegni, la strada da percorrere; io desidero entrare in convento nella Congregazione delle Serve del Signore e della Vergine di Matarà, anche da terziaria secolare della medesima famiglia religiosa [ndr: http://www.servidorasdelsenor.org/it ]. Grazie, Corinna”.

Cara Corinna, innanzitutto ti debbo delle scuse per aver risposto alla tua richiesta di preghiere così in ritardo…: ho passato tre mesi nei quali, pur senza avere grandi problemi, sono stato trascinato via dall’impeto delle troppe cose da fare e schiacciato dall’inevitabile stanchezza…; la calura estiva e la mia fragilità hanno fatto il resto…. Un fiume in piena che trascina tutto giù a valle senza distinguere nulla e che col suo frastuono ci impedisce di ascoltare la Voce dello Spirito Santo…. Prega anche tu per me!… anch’io ne ho davvero bisogno!…

La tua richiesta di preghiere – e la preghiera che, sono certo, si alza ogni giorno dal tuo cuore – è già benedetta nelle sue intenzioni: tu chiedi solo di conoscere la Volontà di Dio per te, anzi…, neanche questo: chiedi solo di avere un segno che ti faccia capire che strada prendere, affidandoti poi ancora una volta a Lui. Ma un segno il Signore te lo ha già dato: tu non parli di possibilità di vita consacrata in generale, ma parli di un carisma particolare, quello di Padre Carlos Miguel Buela, il Fondatore della Congregazione della quale ci parli nel tuo messaggio: “far giungere Cristo nelle famiglie, nell’educazione, nei mezzi di comunicazione, anche nelle situazioni più difficili e nelle condizioni più avverse” e “far sì che ogni uomo sia ‘come una nuova incarnazione del Verbo’ ” e “portare alla pienezza le conseguenze dell’Incarnazione del Verbo, specialmente nell’ampio mondo della cultura, cioè nella manifestazione dell’uomo come persona, comunità, popolo e nazione” (http://www.servedelsignore.org/chi-siamo/spiritualita/carisma/ ).

Qualunque sarà la tua via, Suora o Terziaria Laica, o altro…, la tua chiamata appare quindi già caratterizzata dal contenuto delle tre frasi che ho riportato sopra. E non è poco!… perché non è di moda parlare di Dio, della sua incarnazione in Cristo, dell’altissima dignità che deriva dall’essere figli di Dio definitivamente riconciliati e della salvezza offerta a tutti…. Il mondo corre e non ha tempo, non crede più!…, e “Dio”, giorno dopo giorno diventa “_io”…. C’è tanto bisogno di persone che testimonino con la loro vita – più che con le loro parole – la loro Fede in Gesù, e c’è bisogno delle preghiere di tutti, da quelle che salgono al Cielo dalle clausure a quelle del passante che recita un’Ave Maria quando passa un’ambulanza o sente le campane dell’Angelus di mezzogiorno (come qualche giorno fa la nostra amica Luciana ci ha invitato a fare)….

Dio ci benedica e ci consenta di fare la Sua Volontà, sempre!… :-)

Franco