«

»

set
04

Il Perdono di Assisi: l’Indulgenza Plenaria

Urna San Francesco 2Io, Padre Bonaventura Febbo parroco di Castelvecchio Subequo (AQ), …, desidero far conoscere a tutti voi l’evento straordinario che è avvenuto il primo Ottobre 2013. Davanti a dieci testimoni (tra cui tre frati ed una suora), il sangue delle Stimmate di San Francesco conservato in un’ampolla all’interno di un prezioso reliquiario, si è liquefatto. …”. Alla luce di questa testimonianza, guardiamo con maggiore attenzione e maggior Fede all’Indulgenza Plenaria che venne concessa nel 1216 da Papa Onorio III a tutti i fedeli, su richiesta di San Francesco d’Assisi.

 

Il Perdono d’Assisi è un’indulgenza plenaria che, secondo la Chiesa cattolica, può essere ottenuta dai propri fedeli dal mezzogiorno del primo Agosto alla mezzanotte del 2 Agosto di ogni anno.

Secondo il racconto tradizionale, in una notte di luglio del 1216, mentre Francesco d’Assisi era in preghiera nella chiesa della Porziuncola, ebbe una visione di Gesù e della Madonna circondati da una schiera di angeli. Gli fu chiesto quale grazia desiderasse, avendo egli tanto pregato per i peccatori. Francesco rispose domandando che fosse concesso il perdono completo di tutte le colpe a coloro che, confessati e pentiti, visitassero la chiesa. La richiesta, con l’intercessione della Madonna, fu esaudita a patto che egli si rivolgesse al Papa, come Vicario di Cristo in terra, per richiedere l’istituzione di tale Indulgenza. Il mattino seguente Francesco, insieme al confratello Masseo da Marignano, si recò a Perugia per incontrare Onorio III, eletto Pontefice in quei giorni da un Conclave di 19 cardinali riuniti proprio a Perugia, dov’era morto il suo predecessore Innocenzo III. Francesco e Masseo furono ammessi alla sua presenza e gli esposero la richiesta di un’Indulgenza senza l’obbligo del pagamento di un obolo o il compimento di un grande pellegrinaggio penitenziale (com’era invece consuetudine allora). Le argomentazioni di Francesco ebbero la meglio sui dubbi e le perplessità del Papa e dei Cardinali, che tuttavia ridussero l’applicazione dell’Indulgenza a un solo giorno all’anno (il 2 agosto), pur concedendo che essa liberasse “dalla colpa e dalla pena in cielo e in terra, dal giorno del battesimo al giorno e all’ora dell’entrata in questa chiesa”. Inizialmente riservata esclusivamente alla chiesa della Porziuncola, nel corso del tempo l’Indulgenza fu estesa prima a tutte le chiese francescane e successivamente a tutte le chiese parrocchiali, restandone comunque immutata la data e la denominazione.

Normativa ufficiale: secondo il Manuale delle Indulgenze della Chiesa Cattolica, per ottenere l’Indulgenza Plenaria un fedele, completamente distaccato dal peccato anche veniale, deve:

  1. confessarsi, per ottenere il perdono dei peccati;
  2. fare la comunione eucaristica, per essere spiritualmente unito a Cristo;
  3. pregare secondo le intenzioni del Papa, per rafforzare il legame con la Chiesa, recitando almeno Padre Nostro, Ave Maria e Gloria al Padre;
  4. recitare il Credo e il Padre Nostro;
  5. visitare una chiesa o oratorio francescano o, in alternativa, una qualsiasi chiesa parrocchiale.

Confessione e comunione possono essere fatte anche alcuni giorni prima o dopo le date previste (nell’arco di una o due settimane). La visita e la preghiera è opportuno che siano fatte lo stesso giorno. L’Indulgenza può essere richiesta per sé o per i defunti.

Ogni cristiano ha in dono il potere immenso di liberare dal laccio dell’attesa sofferente un’Anima Santa del Purgatorio e, nella Certa Speranza della Divina Misericordia, se stesso!… Noi dobbiamo prendere molto sul serio questa promessa divina e gioire in essa come bambini!… :-)

Gloria a Dio nell’Alto dei Cieli e Pace in terra agli Uomini che Egli ama!… :-)

Franco

Sito Internet: http://www.ilcuoredifrancesco.it/

Posta Elettronica: associazione.sanguisfrancisci@gmail.com